LA SATIRA

LA SATIRA

La definizione di satira va dettagliata sia rispetto alla categoria della comicità, del carnevalesco, dell'umorismo, dell'ironia e del sarcasmo, con cui peraltro condivide molti aspetti:

  • con il comico condivide la ricerca del ridicolo nella descrizione di fatti e persone,
  • con il carnevalesco condivide la componente "corrosiva" e scherzosa con cui denunciare impunemente,
  • con l'umorismo condivide la ricerca del paradossale e dello straniamento con cui produce spunti di riflessione morale,
  • con l'ironia condivide il metodo socratico di descrizione antifrasticamente decostruttiva,
  • con il sarcasmo condivide il ricorso peraltro limitato a modalità amare e scanzonate con cui mette in discussione ogni autorità costituita.

Essa si esprime in una zona comunicativa "di confine", infatti ha in genere un contenuto etico normalmente ascrivibile all'autore, ma invoca e ottiene generalmente la condivisione generale, facendo appello alle inclinazioni popolari; anche per questo spesso ne sono oggetto privilegiato personaggi della vita pubblica che occupano posizioni di potere.

Queste stesse caratteristiche sono state sottolineate dalla Corte di Cassazione che si è sentita in dovere di dare una definizione giuridica di cosa debba intendersi per satira:

« È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores, ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene. »
(Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006)

mercoledì 9 aprile 2014

BUGIE, SEMPRE BUGIE!

Sulla pagina Facebook di Rosario Marcianò
 https://www.facebook.com/rosario.marciano.tankerenemy 
ieri sera è comparso questo quasi incomprensibile commento con link a questo blog:


Ringrazio Petra Benz per la gratuita pubblicità: le visite al blog e alla pagina "Contributo" hanno avuto una bella impennata.

Il bugiardo patologico Rosario Marcianò (Il bugiardo patologico è colui che mente incessantemente per cercare ottenere qualcosa e lo fa senza troppo curarsi delle conseguenze che questo comportamento può avere sugli altri, fossero anche "solo" conseguenze emotive. In questo caso l'abitudine alla menzogna è vista come meccanismo per affrontare la realtà, un meccanismo sviluppatosi in età infantile che sovente è associato ad altre problematiche psicologiche. Il bugiardo patologico è in genere manipolativo, autocentrato e ben poco empatico rispetto alla dimensione psicologica delle altre persone.) ha subito approfittato dell'assist per dimostrare la sua patologia:


Il mentitore si riferisce a questo "screeenshot" (con 3 e):


e dichiara che sarebbe "montaggio", un falso dato che lui non lo avrebbe MAI scritto.

È stato molto facile eseguire il controllo e dimostrare che, more solito, scrive falsità.
Sono andato sul mio vecchio blog, alla data segnata sullo screen e ho trovato questo:


"Questo commento è stato eliminato dall'AUTORE"! E chi è l'autore? straker! E chi è straker? Rosario Marcianò, il bugiardo! E il cerchio si chiude.

Rosario, le bugie hanno le gambe corte ma tu... cammini sulle chiappe!

Già che ero su quella pagina di commenti, ho notato e vi riporto un altro esempio della signorilità di Rosario Marcianò (in arte straker): la risposta al commento di cribbio:


Ahahahahahahahah!

Tornando a Facebook, Rosario Marcianò ha proseguito con le sue bugie:


"Il sistema delle minacce è efficacissimo!" Ahahahahah
"La controinformazione onesta"! Ahahahahahahah


>aggiornamento<

Dopo la pubblicazione del post, ho ricevuto dall'amico Nico una ulteriore prova del fatto che quanto da me affermato è la pura verità. Ecco, quindi, lo screenshot del commento poi cancellato da "straker" Rosario Marcianò:


WASP

8 commenti:

  1. Ciao Waspone. Ho uno screenshot della mia casella di posta che prova quello che dici. Essendo iscritto ai commenti ho ricevuto anche io il messaggio (poi cancellato da gran coniglio) della Rosy. Te lo mando via mail così lo puoi allegare qui.

    RispondiElimina
  2. La par conditio? :D

    Ma che è un partito politico??

    RispondiElimina
  3. Grazie Nico!
    Post aggiornato.

    RispondiElimina
  4. "BUGIE, SEMPRE BUGIE!"
    Da un poveretto (strakkino) cosi', ti aspettavi altro?
    Il termine "bugiardo patologico" gli si adatta benissimo. Sempre piu' pena...

    RispondiElimina
  5. Paolo el panza9 aprile 2014 21:28

    Non ho parole...
    Sì, quelle sì: Straker? PUPPA!

    RispondiElimina
  6. par conditio

    Capra, si scrive par condicio !!!!!!!
    Se sei ignorante in latino, almeno controlla su google se la citazione é corretta. Ah dimenticavo, sei talmente incapace che fare un ricerca su google per té é un'impresa impossibile ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrà chiesto al fratello esperto in latinorum

      Elimina
  7. Paolo el panza16 aprile 2014 11:39

    Wasp, l'hai vista sul blog di Nico (c'è ora anche su Straker Enermy) la "ricerca della microspia nell'auto di zret"?
    Lui pensa di essere alle "chimiche", ma dimostra sempre più di essere alle... comiche! (naturalmente).
    Straker? PUPPA!

    RispondiElimina